Geomagnetismo

Il geomagnetismo è quella branca della geofisica che si occupa dello studio del campo magnetico della Terra (o campo geomagnetico). Per la massima parte il campo magnetico terrestre è generato nel nucleo fluido della Terra, con un piccolo contributo della crosta terrestre magnetizzata e con il contributo ancora più piccolo ma non trascurabile, dai fenomeni elettromagnetici che hanno luogo nello spazio circumterrestre (ionosfera e magnetosfera). Una conseguenza della molteplicità delle sorgenti del campo geomagnetico è che la sua evoluzione nel tempo avviene su scale che vanno da pochi secondi a decine di milioni di anni, e quella nello spazio avviene su scale che vanno da pochi chilometri a migliaia di chilometri.

world_dipole_ita
Per la sua geometria, il campo geomagnetico ha linee di forza entranti nella Terra nell’emisfero Nord e uscenti in quello Sud. 

Oltre ad indicarci la direzione, il campo geomagnetico svolge un ruolo molto importante nello schermare l’atmosfera terrestre dal flusso continuo di radiazioni e particelle cariche emesse dal Sole, il cosiddetto vento solare, e dalle suo impatto negativo sul delicato equilibrio della vita sulla Terra.

Il gruppo di geomagnetismo dell’INGV si occupa dello studio delle variazioni (nel tempo e nello spazio) del campo geomagnetico sia di origine interna (nucleare e crostale) che esterna alla Terra (ionosferico e magnetosferico), contribuendo ad una migliore conoscenza di fenomeni complessi che hanno implicazioni scientifiche e ricadute sui sistemi tecnologici e che presentano aspetti ancora poco chiari o inesplorati.

Ricerca scientifica:
  • Dinamica delle correnti ionosferiche a media e alta latitudine
  • studio delle correnti geomagneticamente indotte nel sottosuolo
  • studio della turbolenza ionosferica mediante i dati di Swarm
  • studio della dinamica del campo geomagnetico in aree polari
Approfondimenti:
Link di interesse:
Le infrastrutture:

L’INGV inoltre, all’interno della Sezione Roma2, gestisce le infrastrutture dedicate al monitoraggio del campo geomagnetico sul territorio nazionale, gli osservatori geomagnetici. Gli osservatori sono distribuiti lungo tutta la penisola italiana: a Nord Castello Tesino (TN), nel centro Duronia (CB) e a Sud Lampedusa (AG). I dati degli osservatori convergono in tempo reale alla sede centrale di Roma e sono visualizzabili a questo indirizzo.

os21.jpg

L’INGV pubblica regolarmente i bollettini mensili degli osservatori e gli annuari, contenenti i valori assoluti delle componenti del campo e della sua intensità.

L’INGV, in collaborazione con l’Istituto Geografico Militare (IGM) inoltre effettua ogni 5 anni le campagne di misura per l’aggiornamento della cartografia magnetica nazionale. L’ultima campagna è stata portata a termine nel 2015.

Cartografia al 2015.0