Islanda – Scozia in 207 giorni

Dove vanno i rifiuti e la plastica che finiscono nelle acque marine Artiche?

di Ingrid Hunstad

Per rispondere a questa domanda  il gruppo di lavoro PAME (Protection of the Arctic Marin Environment – Protezione dell’Ambiente Marino Artico) del Consiglio Artico ha realizzato il progetto  “Plastic in a Bottle” (Plastica in una Bottiglia).

Il progetto

Lo scopo del progetto è quello di mostrare quali siano le grandi distanze che i rifiuti possono coprire sia all’interno che all’esterno delle acque Artiche. L’obiettivo è quello di creare consapevolezza sul problema dell’aumento di rifiuti marini nell’Artico.

Gli otto paesi che estendono i loro territori in Artico (Canada, Danimarca, Islanda, Norvegia, Svezia, Finlandia, Russia e Stati Uniti) sono uniti dal 1996 in un forum intergovernativo, il Consiglio Artico. Lo scopo è di promuovere la cooperazione e l’interazione tra gli Stati Artici e le comunità indigene Artiche su problemi comuni, in particolare sullo sviluppo sostenibile e la protezione ambientale in Artico. Il PAME è uno dei gruppi di lavoro costituiti nell’ambito del Consiglio Artico.

Picture1

 

Il lancio della prima capsula

La capsula  “Plastic in a Bottle”, costruita per il progetto, contiene un trasmettitore GPS avvolto in una schiuma protettiva di colore giallo brillante. E’ stata gettata nel mare dalla costa Islandese a settembre 2019. L’onore del lancio è spettato al Ministro Islandese per l’Ambiente e le Risorse Naturali Guðmundur Ingi Guðbrandsson che lo ha eseguito a bordo della nave Thor della Guardia Costiera Islandese.

Picture2

La capsula ha trasmesso ogni giorno la sua posizione. Si è spostata prima verso la Groenlandia, è rimasta li a zigzagare qualche giorno, ha continuato in direzione sud verso Terranova e Labrador (Canada). Infine ha preso la rotta verso est. 7000 chilometri e 207 giorni dopo la capsula è arrivata sull’Isola di Tiree, Scozia, il 6 Aprile 2020.

pict3

Il PAME lancerà in mare altre capsule. La Presidenza Islandese del Consiglio Artico ha nel suo programma triennale (2019-2021) un’attenzione particolare per il problema dei rifiuti e della plastica che inquinano l’Oceano Artico.

Il prossimo lancio è previsto la prossima estate all’interno di un progetto Olandese.


Le immagini di questo post sono tratte dal sito del PAME

L’immagine di copertina è del fotografo JONAA@Linnea Nordström